La lucertola blu di Molarotto, unica al mondo, vive solo su uno scoglio a largo di Olbia

Sembra assurdo, per certi versi, ma è tutto vero! La lucertola che vedete in foto è unica al mondo e vive solo in Italia, o meglio in Sardegna, o meglio…su uno scoglio al largo di Olbia. Più precisamente esclusivamente sul piccolo scoglio di Molarotto, dove vive in gran numero.
E’ la lucertola di Molarotto. Curiosando Sardegna, periodico scientifico di Gallura da Valorizzare e programma televisivo di GALLURA LIVE , vi porta alla scoperta di fattori affascinanti dell’intero territorio Gallurese. La lucertola che scopriamo oggi è una specie da difendere e tutelare. Fortunatamente nello scoglio non è possibile nemmeno sbarcare!

E’ una sottospecie ranzii di Podarcis tiliguerta. Si tratta di un superendemismo, essendo una sottospecie di una specie a sua volta endemica di Sardegna e Corsica. La livrea molto scura, punteggiata di celeste, la rende straordinariamente ed inaspettatamente mimetica sui graniti pieni di fessure, soprattutto quando la luce del sole a picco esaspera i contrasti. E’ stata al centro di una ricerca dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo.
La sua popolazione ricade interamente nell’area a protezione integrale e la rende di particolare significato per la conservazione della biodiversità. Biologia ed eco-etologia della sottospecie sono raffrontate con le popolazioni di Podlarcis tiliguerta delle altre isole dell’AMP e dell’isola madre. I  risultati dell’analisi morfologica hanno indicato che i maschi di ranzii si differenziano dalle altre popolazioni, sia insulari sia delle due isole principali (Sardegna e Corsica). Le femmine, al contrario, sembrano simili alle popolazioni della Sardegna e della maggior parte delle sue isole satelliti. Le analisi genetiche rivelano un certo grado di differenzi- azione di ranzi dalla sottospecie nominale.

Per approfondire puoi cliccare QUI per essere rimandato sul sito di CURIOSANDO SARDEGN, programma scientifico di Gallura Live.

Redazione

Gallura Live testata giornalistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *