Olbia, mozione di Liberi e Uniti per salvare l’archivio dell’ex TV 5 Stelle Sardegna

Con una mozione presentata nei giorni scorsi al Sindaco e alla Giunta, il gruppo consiliare Liberi e Uniti per Olbia, su proposta del capo gruppo Tiziana Biscu, porta l’attenzione sul patrimonio audiovisivo dell’ex emittente 5 stelle costituito da immagini, servizi, documentari su Olbia e il nord Sardegna che costituivano i palinsesti dei programmi televisivi, oggetto nelle prossime settimane di una procedura fallimentare.

La rilevanza dell’archivio video della ex emittente 5 Stelle si caratterizza per la preziosa valenza culturale, storica e anche sociale del materiale che vi è contenuto, definendosi come un vero e proprio testimone di 40 anni di storia di Olbia e del nord Sardegna – si legge nel documento. Le registrazioni, i documentari, le trasmissioni di approfondimento presenti costituiscono un unicum della storia contemporanea della nostra città che è giusto venga messo a disposizione della cittadinanza al più presto al fine di ampliare l’offerta culturale per i residenti e i visitatori. Per questi motivi chiediamo che il Comune di Olbia, costituendosi ente promotore nell’acquisto di tutto l’archivio audio visivo costituito da 1416 video cassette, lo acquisisca come bene culturale di assoluto pregio appartenente alla città con l’obiettivo di darne visione e consultazione non solo alla propria cittadinanza, al territorio di tutta la Sardegna ma anche a chi visita la città scegliendo l’isola come meta per le proprie vacanze. La città dispone oggi di un’importante spazio culturale, quale il MusMat -recentemente inaugurato e la cui vocazione principale è proprio quella di accogliere varie espressioni artistiche e che pertanto si prefigura come perfettamente idoneo ad ospitare e conservare una raccolta di materiali video-audio e permetterne la consultazione ai visitatori”. Il documento porta la firma del gruppo Consiliare Liberi e Uniti per Olbia composta da Tiziana Biscu, Marco Piro e Davide Bacciu

Redazione

Gallura Live testata giornalistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *