Zona rossa in Sardegna: positivi beccati (per caso) dal medico al supermercato

foto google

La Sardegna da unica regione in zona bianca, ad unica regione in zona rossa.

Le cause possono essere tante, ma quasi certamente i 157 focolai esplosi tra pranzi e passeggiate dei positivi al coronavirus persino al supermercato, liberi così di contagiare. E se la notizia più allarmante, oltre ai focolai, è stata Olbia con i suoi 600 positivi (e forse molti di più non censiti) quella più incredibile, se non fosse che è tutto vero, è la storia paradossale che arriva da Sassari dove un medico riconosce in un supermercato un suo paziente positivo tra i corridoi del market ecome riporta il Corriere della sera (qui fonte, ovvero articolo originale che descrive questa situazione) –  lo ha fatto chiamare immediatamente alla cassa e poi è stato denunciato. (Va detto che una notizia simile sia stata oggetto di bufale in varie parti d’Italia; ma il fatto che sia riportato dal Corriere della Sera e il fatto che non sia stata smentita, lascia intendere che in questo caso si tratti di una situazione realmente avvenuta)

Questa situazione dovrebbe far riflettere; tra coloro che sono positivi, e coloro che lo sono senza essere stati censiti, si può comprendere come possa subito degenerare in peggio l’emergenza. L’unica soluzione è limitare gli spostamenti, ed osservare in modo scrupoloso le regole. Anche per tutelarsi da chi evidentemente non ha un senso civico all’altezza della nostra società.

Editoriale

Redazione

Gallura Live testata giornalistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *