Olbia, il consorzio Molluschicoltura denuncia uno scarico maleodorante e presenta un esposto contro il Cipnes

Il consorzio Molluschicoltura di Olbia guidato da Raffaele Bigi sospende in via precauzionale la raccolta di molluschi nelle acque dell’area Cocciani per un presunto inquinamento dovuto allo scarico a mare che definisce “anomalo” e proveniente dal depuratore del Cipnes di liquido maleodorante che potrebbe provocare un eventuale inquinamento. Secondo la denuncia-esposto presentato alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania e per conoscenza agli enti preposti alla vigilanza e alla salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, “da giorni il depuratore CIPNES in località Seno Cocciani nel Golfo di Olbia, riversa in mare una notevole quantità di acqua/liquido maleodorante e puzzolente che potrebbe danneggiare gravemente l’equilibrio delle acque degli allevamenti delle aree dove il consorzio ha i mitili, oltre che dell’intero ecosistema del Golfo”. A supporto di tali affermazioni viene allegato il risultato di un’analisi effettuata da BioLab laboratorio analisi, che “rileva la presenza di Escherichia Coli UGC/100 ml = 6 milioni, con un massimo consentito per lo scarico di 5 mila, dunque oltre cento volte superiore”.
Spetterà ora a chi di competenza stabilire l’origine e la natura dello scarico.

Alleghiamo la denuncia e il risultato del laboratorio analisi.

Redazione

Gallura Live testata giornalistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *