Centinaia di atleti a Olbia per contendersi il titolo di Campione Italiano della classe Windsurfer

OLBIA. I primi atleti sono già arrivati. Cinque minuti per montare l’attrezzatura, indossare il trapezio e via in acqua per provare subito il campo di regata e le condizioni dello spot di Pittulongu a Olbia. In queste ore decine di vele colorate sfrecciano veloci sul mare incuriosendo turisti e residenti che dalla spiaggia si fermano ad ammirare lo spettacolo. Qui, da giovedì 16 a domenica 19, si assegneranno i titoli del 47esimo Campionato Italiano Windsurfernelle discipline Slalom, Course Race, Long Distance e Freestyle. Tutti i particolari della manifestazione sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla presenza del presidente del Circolo Nautico Olbia, Mario Peralda, del vice presidente Livio Fideli, del primo cittadino Settimo Nizzi, dell’assessore al turismo Marco Balata, di quello allo sport Monica Fois e del responsabile tecnico del Circolo Francesco Fenu.

“Il Windsurfer – ha spiegato Mario Peralda è la prima tavola di serie prodotta al mondo dopo l’invenzione di questo sport. Ha avuto un’evoluzione ed una diffusione esplosiva nei primi anni, poi il windsurf si è diviso in mille rivoli, ma si è perso un po’ il significato delle regate di classe, che abbinano sia il lato sportivo che le tattiche di regate che sono più proprie delle discipline veliche. Oggi possiamo parlare di un grande ritorno di questa tavola. Il nuovo progetto sta, infatti, attirando l’attenzione sia dei regatanti master che dei più giovani. Il Circolo Nautico è riuscito a guadagnare la fiducia della Classe Windsurfer e l’assegnazione di questi campionati italiani. Cercheremo di dimostrare la qualità organizzativa messa in campo dal nostro sodalizio, con la finalità di poter aspirare ad eventi ancora più prestigiosi. Siamo infatti fermamente intenzionati a portare in Sardegna i campionati mondiali di questa Classe, sperando di poter contare ancora sul supporto della Fondazione Sardegna, delle amministrazioni  e degli sponsor che ci hanno dato fiducia. Questo però è il domani, per oggi spero che tutti possano godere dello spettacolo di centinaia di vele colorate che si daranno battaglia nel tratto costiero tra Pittulongu e Golfo Aranci”.

Grande entusiasmo per l’evento anche da parte del sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, che ha così commentato: “Sarà una settimana importante per Olbia dove si svolgerà anche una tappa mondiale dell’acquabike. Il palcoscenico è invidiabile, si stanno svolgendo manifestazioni capaci di allungare la stagione e innescare positive ricadute in termini di accoglienza e di presenze a metà settembre. Ringrazio la Direzione Marittima e le forze dell’ordine per la preziosa collaborazione che ci consente di garantire la sicurezza a terra e in mare. Ci scusiamo con la cittadinanza per alcuni disagi, ma penso manifestazioni così importanti valgano un piccolo sacrificio”.

Sono già iscritti alle regate quasi duecento atleti provenienti anche da Francia, Olanda, Finlandia, Russia, Svizzera e Austria che gareggeranno per la classifica generale nelle stesse sessioni in cui gli atleti italiani si contenderanno il titolo nazionale. Una manifestazione che ha anche l’obiettivo di promuovere il territorio come ha dichiarato l’assessore al turismo del comune di Olbia Balata che vede, sulla stessa lunghezza d’onda anche l’assessora allo sport del Comune di Olbia

Il vento e le condizioni meteomarine, come succede in tutte le regate, scandiranno i tempi per la disputa delle competizioni. Il primo appuntamento è previsto per giovedì con lo skipper meeting e la partenza delle prime batterie. Percorsi a triangolo anche molto complessi, ma per questo divertenti per gli atleti e per il pubblico che seguirà l’evento dalla spiaggia. Per l’occasione è stato allestito un Regatta Village, rispettando logiche Green ed ecosostenibili, in pieno stile californiano con monitor ledwall sui quali verranno trasmesse anche  le immagini in diretta delle regate.

Redazione

Gallura Live testata giornalistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *